Chi riesce a guadagnare un mensile con la messa a disposizione?

0 voti
Salve, vorrei togliermi una curiosità... c'è qualcuno che lavora con la nomina tramite la messa a disposizione?? Io lo scorso anno ho lavoricchiato negli asili e nelle elementari .. certo non si può parlare di stipendio fisso al mese.. ma comunque mi han chiamato molte più volte di quante mi sarei aspettata!! E la domanda l'avevo fatta in un circolo solo..quest'anno vorrei provare a fare più domande per vedere cosa ne esce fuori...
tra il call center e le supplenze.. ho preferito la seconda via. E sono laureata. Esperienze?
quesito posto il 13 Settembre 2011 da Lulu'84 (160 punti)

9 Risposte

0 voti
Ciao! Anch'io sono laureata ed in attesa delle supplenze brevi anch'io qst anno avevo pensato alla messa a disposizione...finchè al sindacato non mi hanno detto che non è legale (in quanto non si può restare iscritti in una graduatoria e lavorare indipendentemente da essa)!!!
Pur restando perplessa mi chiedo: verità o ignoranza (da parte loro)???

tu che l'hai già fatto potresti darmi qualche dritta in più? si consegna semplicemente il curriculum nelle scuole?va consegnato esclusivamente nelle scuole della "propria" graduatoria (GaE o GI che sia)? Ci si propone con dei progetti o si può essere chiamati anche per semplici supplenze?

Alla fine ho lasciato perdere semplicemente perchè non ho trovato persone competenti in grado di darmi una risposta!
Grazie!
risposta inviata il 13 Settembre 2011 da AMOS (180 punti)
0 voti
ciao! anche io sapevo che è una cosa illegale lavorare con la messa a disposizione se si è in graduatoria.. ma questo (direi purtroppo..) non è mio problema perchè in graduatoria non ci sono... comunque per quanto riguarda la domanda di messa a disposizione.. devi compilare un modulo (puoi trovarlo nel web oppure scriverlo tu) in cui scrivi che hai il TOT titolo di studio e dichiari la tua disponibilità nei TOT giorni.. e poi lo consegni alla segreteria didattica della scuola che ti interessa..solitamente sotto un circolo didattico ci sono almeno 2 o 3 scuole.. Io progetti non ne ho mai proposti.. anche perche conosco delle ragazze che han lavorato nelle scuole materne facendo vari progetti (come arte/argilla ecc.) e non sono state pagate dalla direzione ma dalla scuola stessa... quindi mooolto poco...   se hai dubbi chiedi! Tu in cosa sei laureata?
risposta inviata il 13 Settembre 2011 da Lulu'84 (160 punti)
0 voti
Scienze della Formazione Primaria -indirizzo primaria- e (fortunatamente) sono iscritta in graduatoria...so che per chi non lo è, invece, la situazione è mooolto più dura... in bocca al lupo!
E grazie delle info!
risposta inviata il 13 Settembre 2011 da AMOS (180 punti)
0 voti
So per certo che l'anno scorso a Milano una mia amica ha lavorato con la messa a disposizione da gennaio a giugno in alcune scuole primarie....ma erano scuole che avevano la graduatoria d'istituto esaurita o con persone che non accettavano pochi giorni di supplenza poiche' fuori sede....in bocca al lupo !
risposta inviata il 14 Settembre 2011 da a.vill (1,820 punti)
0 voti
la messa a disposizione si può fare in una provincia diversa da quella in cui si è fatta la domanda istituto?
risposta inviata il 14 Settembre 2011 da okkiblu (10,540 punti)
0 voti
anche io sapevo che era illegale (almeno così mi è stato detto dal sindacato) e visto che mi sono iscritta per le suppl. in una provincia diversa, speravo di poter fare la messa a disposizione per aumentare le possibilità di lavoro.
P.s. come si fa a sapere se una scuola ha la grad. esaurita?
risposta inviata il 14 Settembre 2011 da patrizia.60 (2,300 punti)
0 voti
ma perchè sarebbe illegale?ma è sicuro?
risposta inviata il 14 Settembre 2011 da kitry (47,170 punti)
+1 voto
Non è affatto illegale. Ecco la nota del 28 gennaio  2009:

"Con riferimento al quesito di cui alla nota prot.6918/8 Area I –U.O. III del
22.12.2008 dell’USP di Bari, che si allega, si comunica che, come è noto, la
procedura di costituzione delle graduatorie in oggetto vieta, e sanziona con
l’esclusione, la presentazione della domanda in più di una provincia da parte
dell’aspirante a supplenze.
Nel concreto utilizzo delle graduatorie da parte di ciascuna scuola la
procedura prevede, nei casi in cui le proprie graduatorie non consentano di
reperire il supplente, che la scuola attinga, secondo un criterio di viciniorità, alle
graduatorie delle altre scuole di tutta la provincia.
Nulla dicono le disposizioni in materia per i casi, estremi ed eccezionali, in
cui la scuola, pur percorsi i passaggi procedurali sopraindicati, non sia riuscita a
reperire il necessario supplente; in tali situazioni non si può che ricorrere, secondo
le valutazioni della dirigenza scolastica, a soluzioni extra-procedurali, tra le quali
può ammettersi la presa in considerazione, ove ricevute dalla scuola, di istanze
informali di messa a disposizione da parte di candidati in possesso dei requisiti allo
specifico insegnamento richiesto.
In sostanza, la presentazione di tali istanze informali da parte di aspiranti,
sia presenti in graduatorie di altra provincia che del tutto assenti, per non essere
esplicitamente vietata dalle disposizioni vigenti né in alcun modo sanzionata,
costituisce un semplice segnale di disponibilità per il quale non c’è alcun obbligo di
presa in considerazione né di redazione di altra graduatoria da parte della scuola,
rappresentando una semplice possibilità insieme ad eventuali altre, per la
risoluzione eccezionale del problema del reperimento del supplente.
Ciò premesso, tuttavia, qualora venga assunto personale iscritto nelle
graduatorie di altra provincia, si ritiene, nel rispetto sostanziale della norma che
impone la presentazione della domanda di iscrizione nelle graduatorie di una sola
provincia, e per assicurare parità di trattamento a tutti gli iscritti in graduatoria, che
per il medesimo anno scolastico l’interessato non possa conseguire incarichi nella
provincia in cui è iscritto e, ove ciò sia avvenuto, che i servizi prestati in 2 diverse
province non possano per lo stesso a.s. essere cumulativamente valutati."


Come potete vedere la nota non parla di illegalità o sanzioni. I sindacati ti dicono che se lavori in un'altra provincia con la MaD vieni depennato dalla graduatoria della provincia in cui sei iscritto. Ma chi le ha dette ste cose? Dove sta scritto?
Quello che non si può fare è lavorare in due provincie contemporaneamente ( e questo è chiaramente spiegato nel regolamento delle supplenze 2011/2012). Si può anche lavorare, ad esempio, 4 mesi a Firenze (con la MaD) e 4 mesi a Verona (dalle grad. di circolo o istituto), in questo caso, viene valutato il punteggio maturato in una sola delle due provincie E NON SI RISCHIA DI ESSERE DEPENNATI DALLA GRADUATORIA. Se invece si ha la fortuna di lavorare con la MaD per tutto l'anno scolastico (anche se la provincia è diversa da quella in cui si è iscritti in graduatoria), il servizio viene valutato per intero!!
Basta leggere attentamente le normative per capire che non si va contro la legge!!!

Quindi non date retta ai sindacati. A loro fa comodo avere tanti precari che attendono in una lista o tanta gente a spasso perchè si è inserita nella graduatoria della provincia più affollata..altrimenti chi ci va con loro a Roma a manifestare co le bandierine in mano?
risposta inviata il 17 Settembre 2011 da claudechat (230 punti)
0 voti
Non è illegale, non scherziamo. In Piemonte si lavora abbastanza con la messa a disposizione. L' anno scorso ho fatto tutto l' anno (da nov. a giugno così) sostituendo un insegnante che aveva mandato la messa a disposizione e poi rifiutato per un incarico (sempre da mad) più vicino a casa.
In bocca al lupo
risposta inviata il 3 Dicembre 2012 da paola@ (640 punti)
In che provincia hai lavorato??? Mi hanno detto che quest'anno sarà un'utopia lavorare con le mad... Aspettiamo..