Cosa ripondere a chi denigra il lavoro degli insegnanti?

+4 voti
Mi capita spesso di palare con persone che ritengono le maestre e gli insegnanti in genere, una categoria che lavora poco, che fa troppe poche ore risptto ad esempio ad un operaio o una commessa che ne fanno anche 40 a settimana, che stanno benone, che hanno un sacco di tempo liberoA parte che
1) per fare questo lavoro ho dovuto impegare anni della mia vita a  studiare e specializzarmi  (molta gente considera chi ha studiato, preso lauree ecc. come dei fannuloni perditempo)
2) ci sono categorie di lavoratori che a parità di ore con un operaio guadagnano il triplo, il quintuplo (vedi ad esempio i dentisti, gli avvocati, i medici, i commercialisti) ma chissà perchè loro non gli danno fastidio...
3) le ore di avoro effettive sono ben più che le ore che si fanno in classe, forse sarebbe ora a questo punto farcele conteggiare e pagare!!!
4) inoltre se anche sommando tutte le ore effettive che svolge un insegnante non si arrivasse a 40, ricordo che per la tipologia di lavoro, per l'importanza e la rsponsabilità è giusto così, e che se ho deciso di studiare è anche x svolgere un lavoro che mi permetta di avere un minimo di vita al di fuori da esso!!!
Come si può controbattere a queste persone?
quesito posto il 14 Novembre 2011 da amelina (1,690 punti)

14 Risposte

+4 voti
Beh, con i punti che hai elencato direi che ti difendi già benissimo!
Puoi chiedere a queste persone perchè non hanno scelto anche loro di fare gli insegnanti? (la risposta mi è stata suggerita un po' di tempo fa da un utente di questo forum con cui facevo lo stesso ragionamento)...
risposta inviata il 14 Novembre 2011 da Princessrosy (98,620 punti)
0 voti
Beh c'è da considerare il lavoro casalingo, un operaio torna a casa e non pensa più a nulla. Un prof. coscenzioso deve prepararsi, aggiornarsi e studiare sempre.
Il problema sono i prof. fancaz.zisti e capre che rovinano il nome della categoria.

per non parlare del fenomeno del precariato, fra graduatorie, province, chiamate e menate varie... sono cose pesanti. Direi che è un lavoro come gli altri, forse l'unico privilegio sono le ferie più lunghe.
risposta inviata il 14 Novembre 2011 da novia (23,610 punti)
0 voti
Come capirai la mia rabia è alle stelle! Mi scoccia essere considerata così, anche se obiettivamente è dura discutere con chi è "limitato" mentalmente...
risposta inviata il 14 Novembre 2011 da amelina (1,690 punti)
modificato 14 Novembre 2011 da amelina
0 voti
Io evito di discutere dicendo "prova a farlo e poi ne riparliamo". Penso sia veramente inutile discutere con queste persone.
risposta inviata il 14 Novembre 2011 da Damaremonteapianura (113,920 punti)
0 voti
che discorsi..tutti pensano che il lavoro degli altri sia il più facile!!
risposta inviata il 15 Aprile 2012 da f.iacino@gmail.com (8,760 punti)
0 voti
Io risponderei che il problema non è che gli insegnanti lavorano - sul posto di lavoro - meno degli operai, il che è vero, e guadagnano di più, il che è ancora vero, quanto piuttosto che gli operai sono pagati troppo poco. Personalmente sono d'accordo con chi dice che il nostro è un lavoro di privilegio, e troppo davvero semplicistico rispondere domandando perchè anche loro non hanno fatto il prof. La risposta potrebbe essere "non ho avuto la possibilità". Il vero problema è che i lavoratori in Italia guadagnano una miseria e qs fa risaltare ancora di più il dislivello con noi, che esiste e chi lo nega mente sapendo di farlo.
risposta inviata il 15 Aprile 2012 da enzo67 (12,600 punti)
+2 voti
prima di tutto sarebbe bene non abbassarsi a rispondere... questa gente non ha mai insegnato un giorno.
io invece ho fatto altri lavori sempre precari operaia turnista compresa, e dico francamente che erano molto + riposanti i turni di fabbrica.
le ore in classe sono molto più pesanti per la responsabilità, poi io come penso tutti voi sto sui libri o al pc per prepararmi e preparare materiali per i ragazzi, tutto naturalmente con la mia attrezzatura, non credo l'operaio si porti il tornio da casa, oppure sono a scuola per le riunioni.
mettiamoci poi l'investimento economico e l'impegno per laurearci e abilitarci, non siamo mica tutti il trota o la gelmini che i titoli li hanno trovati nell'uovo di pasqua!
certo che è un lavoro migliore di altri, senza dubbio, non si nega questo! però vorrei riconosciuta la pari dignità, la pari importanza, e la fatica che c'è per noi come per tutti. E naturalmente è vero che gli stipendi sono bassi per gli operai e per gli impiegati, come per TUTTI.
risposta inviata il 16 Aprile 2012 da francesca.kr (34,710 punti)
+1 voto
a me è capitato di sentirmi dire ke lavoro part time,però quando dico ke il sabato lavoro tutti si scandalizzano chiedendomi come faccio a nn poter uscire il ven sera!!!!anch'io ho fatto altri lavori,fra cui la postina,quello era un lavoro faticoso fisicamente ma quando arrivavo a casa nn ci pensavo più!Invece cn la scuola nn si stacca mai......e vogliamo mettere lo stress dei precari???si parla di 2 mesi di ferie ma noi siamo disoccupati e nn ci possiamo permettere grandi vacanze in giro per il mondo.Già dal 15 agosto inizio ad avere l'ansia pensando alle convocazioni....Poi noi nn potremo mai andarcene in ferie quando ci pare, perchè se nn abbiamo un motivo grave nessuno ci da un giorno e al 1°giorno di malattia ti mandano la visita fiscale...Anch'io cmq ormai rispondo provare per credere,perchè tanto la mentalità della gente nn la cambi con un discorso!
risposta inviata il 16 Aprile 2012 da Lele696 (40,740 punti)
–3 voti
A me non è mai capitato di sentir parlare male del lavoro dell'insegnante in generale; mi è capitato spesso, invece, si sentire critiche nei confronti di specifici esponenti della professione. E, bisogna ammetterlo, si tratta talvolta di critiche giustificate. Alcuni colleghi, effettivamente, lavorano solo le 18 ore di attività didattica frontale, non preparano le lezioni ed improvvisano a seconda dell'estro, correggono le verifiche alla meno peggio. Pochi giorni fa una collega è stata convocata dal preside perchè gli studenti sono andati a lamentarsi del fatto che l'insegnante non spiega e fa leggere solo il libro di testo. Sono persone di questo genere che diffamano tutta la categoria.
risposta inviata il 16 Aprile 2012 da melins (20,130 punti)
+3 voti
Be' Puffetta devi aver problemi d'udito per non aver mai sentito parlar male degli insegnanti :-)
O forse non l'hai notato perché ti sei unita a loro ;-)
risposta inviata il 16 Aprile 2012 da Damaremonteapianura (113,920 punti)
+1 voto
infatti puffetta non ha capito bene..certo che persone come la sua collega diffamano tutta la categoria...però non ci credo che non ha mai sentito (o letto, mi ricordo di pagine intere di certi autori e professori che già si lamentavano 100 anni fa che il lavoro di insegnante non era tenuto in considerazione) dire che gli insegnanti lavorano poco, prendono troppo, fanno troppe ferie ecc ecc
risposta inviata il 17 Aprile 2012 da peppiniello (16,020 punti)
–2 voti
Non ho mai incontrato nessuno che l'abbia detto davanti a me ma certamente so, per sentito dire, che molti la pensano in questo modo. Probabilmente tutto dipende dalle persone che si frequentano.
risposta inviata il 17 Aprile 2012 da melins (20,130 punti)
+2 voti
bhe scusa se fra gli amici noi comuni mortali abbiamo operai e commesse....ke ci vuoi fare il mondo nn è fatto solo di altolocati...x fortuna!
risposta inviata il 18 Aprile 2012 da Lele696 (40,740 punti)
+1 voto
ma infatti le persone non te le dicono in faccia certe cose...
risposta inviata il 5 Maggio 2012 da peppiniello (16,020 punti)