Rinunciare al sogno di insegnare?

+1 voto
Buongiorno a tutti. Ho 30 anni e avrei bisogno di consigli e supporto. Mi sono laureata qualche anno fa in lingue straniere con lode, ma appena entrata nel mondo del lavoro sono cominciate le prime delusioni: il lavoro d'ufficio non mi piaceva, mi sentivo svilita e "sprecata", costretta per 8 ore al giorno a fare cose ripetitive e monotone che non mi si addicevano. Ho cambiato diversi lavori, ma non mi sono mai sentita soddisfatta di quello che facevo e continuavo a sognare un lavoro di più "ampio respiro". Ho iniziato quindi a prendere in considerazione l'idea di insegnare e mi sono iscritta in graduatoria d'istituto in III fascia. Ho anche tentato il TFA l'estate scorsa, purtroppo fallendo perché stavo lavorando full time in un'azienda a due ore da casa e la forza per studiare è venuta meno. Però quest'anno ho incominciato a ricevere qualche convocazione e, avendo poi perso il lavoro in azienda, ho potuto accettare tutte le (pochissime e brevissime) supplenze che mi si sono presentate. Esperienza davvero fantastica: qualche problema con i cosiddetti alunni difficili, ma anche grandi soddisfazioni in classi in cui sono riuscita a farmi rispettare e a fare lezione regolarmente, anche se per pochi giorni.
Ora però mi chiedo quanto ancora potrò andare avanti così. L'anno scolastico volge al termine, le supplenze sono state pochissime e in alcuni casi non mi sono ancora state pagate per mancanza di fondi, il TFA 2013 è una chimera e comunque prevede un ulteriore anno di studio a pagamento.  La mia famiglia non è ricca, il mio fidanzato nemmeno e io ho 30 anni. Vorrei sposarmi o almeno convivere, sono stanca di stare a casa di mamma e papà, magari vorrei anche un figlio nei prossimi anni. Il lavoro di supplente saltuaria, anche se integrato con ripetizioni private, non mi consente di certo di rendermi autonoma. Quindi sto continuando a mandare cv alle aziende e con ogni probabilità, presto o tardi, troverò qualcosa e dovrò rinunciare al sogno di insegnare.
Allora vi chiedo, come avete fatto voi a diventare insegnanti? Avevate alle spalle qualcuno che vi aiutava economicamente nei lunghi anni di precariato? Avete rinunciato a formarvi una famiglia? Come avete superato i lunghi mesi di disoccupazione del periodo estivo e non?
Urgono consigli e supporto morale!
Grazie :)
quesito posto il 10 Aprile 2013 da daniela.riccio1969.na (510 punti)
accumula punteggi anche con le supplenze all'estero ...poi nei mesi che non hai l'incarico puoi usufruire dell'indennità di disoccupazione...ed infine insegui i sogni prima o poi si avverano

1 Risposta

0 voti
io ho sempre inseguito il sogno di insegnare, fin da bambina. Mi sono laureata nel 1996 e dopo 3 anni ho partecipato all'ultimo concorso le cui graduatorie sono tuttora valide, prendendo due abilitazioni. Quando ho fatto la prova scritta del concorso la mia prima figlia era nata da poco, mi sono preparata da sola perchè avevamo un solo stipendio e non volevo spendere un botto per corsi e preparazioni varie. L'orale l'ho svolto il giorno del suo primo compleanno. Un anno trascorso a studiare e a fare la mamma, ma anche a lavorare saltuariamente in una scuola privata. Sono stata immessa in graduatoria, terza fascia, solo nel 2002 per effetto del concorso. Da allora ho insegnato per anni in una scuola privata a titolo gratuito solo per il punteggio, deprimendomi un po' ma senza mai perdere la speranza. Alcune convocazioni per supplenze, un paio di incarichi annuali, poi finalmente nel dicembre 2011 la svolta :  il ruolo da concorso, nella mia regione, ma nella provincia più lontana di tutte, circa 300 km.  Impossibile farlo ogni giorno. Panico. Per fortuna-sfortuna ( i problemi di salute non sono mai una fortuna) con la 104 di mio papà ho potuto chiedere l'assegnazione provvisoria. Ma almeno sono in ruolo, dopo 9 anni di attesa. Nel frattempo come ho fatto? Mi ero già sposata, ho fatto un altro figlio, abbiamo stretto la cinghia con amore e infinita pazienza. Ora sono felice e mi sento realizzata. Meglio tardi che mai. Cerca solo di scoprire cosa vuoi davvero per la tua vita. Io ho inseguito e realizzato il mio sogno. In bocca al lupo. (P.S. Ora come ora se mia figli, ormai quasi 14enne, mi dicesse che da grande vorrebbe insegnare, glielo sconsiglierei vivamente perchè sebbene sia il più bello dei lavori, è quasi impossibile ormai accedere ad un posto!)
risposta inviata il 12 Aprile 2013 da anna282 (340 punti)