orario di sostegno

0 voti
Premetto che non insegno nel sostegno. L'altro giorno, guardando casualmente l'orario dei colleghi di sostegno, osservo che quasi tutti hanno un orario perfetto! Invidia? No di certo! Mi ha scombussolato il fatto che l'orario non è fatto a dimensione alunno ma bensì a dimensione insegnante! Mi spiego meglio. Se alcuni alunni (seguiti per 18 ore) possono raggiungere la scuola la seconda ora (causa mezzo comunale particolare di trasporto) come mai i loro insegnanti hanno tutti i giorni la prima ora? Non vuol dire questo sottrargli 4-5 ore settimanali di lezione? Se l'insegnante sa che il proprio alunno non può fare oltre la  quarta ora per quale motivo lo stesso insegnante ha la quinta ora? Ecc. Ecc. Mi sfugge qualcosa? Vi prego, rispondetemi perché è da qualche giorno che non riesco a guardare in faccia tali colleghi!
quesito posto il 17 Febbraio 2014 da linottola (7,240 punti)

3 Risposte

0 voti
sono un`insegnante di sostegno e purtroppo questo avviene anche a discapito dell'alunno x due motivi primo perché l'insegnante di sostegno é l'insegnante della classe e secondo x uniformare l'orario degli insegnanti in modo ché abbiano sia prime ore sia ore centrali che ultime
risposta inviata il 17 Febbraio 2014 da Roberto B. (180 punti)
0 voti
Si, se fosse come dici tu, cioè insegnanti della classe ed orario diverso al variare dei giorni. Ma i colleghi che non hanno l'allievo che stanno seguendo in classe non mettono piede. Inoltre molti di loro hanno sempre le stesse prime 4 o prime due ore. Pensa poi ci sono allievi che io non ho mai visto perché i docenti che li seguono preferiscono non entrare in classi numerose.
risposta inviata il 17 Febbraio 2014 da linottola (7,240 punti)
0 voti
nella tua scuola c'è un'organizzazione sbagliata devi parlarne con il dirigente
risposta inviata il 17 Febbraio 2014 da Roberto B. (180 punti)
Non sono un insegnante di ruolo! Oggi in questa scuola, domani in un'altra e dopodomani in un'altra ancora. Qualcuno mi ha insegnato a saper aspettare. Il momento giusto arriverà! Il dirigente, i fiduciari, tutti accondiscendenti. Tanto non sono loro ad essere lesi nei diritti, bensì i ragazzi, come se nella vita non lottano già abbastanza. Insegnanti di sostegno, ma fatemi il favore, da noi, al sud solo uno su dieci fa il suo dovere. Poi, se li senti parlare dei loro figli tutta la perfezione ha donato loro il Signore!
Al sud ho notato anch'io questo o comunque insegnanti che portano i ragazzi fuori aula, lasciandoli davanti ad un pc, mentre loro ciarlano con le altre colleghe (purtroppo è più femminile).
Quando ho frequentato il corso per l'abilitazione al sostegno, ci hanno detto innanzitutto che se ci fossimo iscritti solo per la garanzia del posto, dovevamo rinunciare dall'inizio, naturalmente nessuno l'ha fatto!!!! Io nn dico fino a questo punto, ma almeno avere la coscienza di non andare a scuola a rubare lo stipendio. Ti assicuro che dal centro nord si lavora meglio, nel senso che i ragazzi diversabili sono maggiormente tutelati dalla scuola e ci sono orari decisi dal team del sostegno coadiuvati dalla presidenza.