ECCEZIONALE PROPOSTA DI VALENTINA APREA

0 voti
... e cioè di dare la precedenza, in sede di nomine a T.I., a chi ha già insegnato nel posto per almeno tre anni. Mi sembra una buona idea.
quesito posto il 30 Settembre 2014 da dick (1,180 punti)

1 Risposta

+1 voto
Per dire il vero dare la precedenza a chi non ha cambiato regione negli ultimi 3 anni! Capiamo che tutto va contro quei poveri colleghi, anche ultra cinquantenni, che per il ruolo hanno lasciato i loro affetti! Per queste persone si presentano beffe su beffe!
risposta inviata il 30 Settembre 2014 da aldo Umberto (9,320 punti)
Penso che la proposta possa andare benissimo per alcuni, male per altri. Sono convinto che, quale che sia il metodo che sceglieranno per le immissioni in ruolo,una cosa sarà fondamentale: stabilire delle regole che consentano, a chi lo vorrà, di tornare a casa IN TEMPI CERTI.
non la trovo molto eccezionale come proposta....sono un po stanca dei continui cambiamenti delle regole a giochi fatti....se vogliono applicare eventuali bonus che si faccia una nuova domanda di aggiornamento in modo che chi sceglie la provincia ne conosca le condizioni-
Bè, Mia, non credo proprio che ci faranno fare un nuovo aggiornamento, anche per i tempi stretti. Però penso che sarai d'accordo con me, sullo stabilire regole certe (anche come tempistica) per chi volesse tornare a casa.
ciao trovo che sia proprio un'emerita pazzia , si sa benissimo che l'aprea e' leghista al 100 x 100 ....e  secondo voi che commentate che fine farebbero tutte quelle persone che hanno deciso di abbandonare affetti e quan taltro per raggiungere il giorno tanto sperato? ....Spiegatemelo


invece perche' non si propone di mandare a casa queste persone dopo un anno anziche' tre.tanto le rettifiche quando vogliono le sanno fare.Credo che sia giunto il momento di pensare alla concretezza e non alla comodita'ciao a tutti e  spero che il mio pensiero sia condiviso.
Intanto una parte di chi si è trasferito quest'anno è già di ruolo, e il loro ruolo non potrà essere toccato. Semmai riguarderebbe chi si è trasferito senza essere entrato in ruolo...Proporre di tornare a casa dopo un anno? Ci metterei subito non una ma due firme...ma mi sembra una cosa irreale. Perchè, più realisticamente, non limitare gli spostamenti (se proprio dovessero rendersi necessari) alla regione?
concordo pienamente con mia76, quando si sceglie una provincia bisogna conoscere le condizioni, invece con questa riforma chi ha fatto domanda fuori si è trovata in questo tranello..Quindi o si fa un nuovo aggiornamento o si dà la possibilità al momento del censimento di scegliere una provincia alternativa.
Ciao a tutti....concordo con Mia 76 e con cs 72 bisogna dare la possibilità al momento del censimento di scegliere una provincia alternativa....che dia la possibilità a tutti i trasferiti di poter essere assunti nella propria provincia.......al limite anche come organico funzionale.....piuttosto che  condannarci a stare lontani.... e dico senza possibilità di ritorno...altrimenti non ci sarà più speranza per tutti noi ...mettiamolo bene in testa....perchè tutti i posti per la mobilità saranno coperti da organico di diritto e organico funzionale......comunque la legge Aprea è una pura follia!
immagino ci siano tanti docenti che la pensano cosi..ma del resto come non esserlo di fronte a tanta e tale scorrettezza...condivido la sensata idea di dare la possibilità ai docenti di poter scegliere al momento del censimento una provincia alternativa ....spero soltanto che tale buonsenso non dimori solo in noi!!!!!!!!
Però è necessario compilare il questionario de "La buona scuola" (io l'ho già fatto). Nella settima parte c'è la possibilità di esprimere le proprie opinioni (cosa vorresti cambiare e cosa, secondo te, manca). Speriamo che ne tengano conto.
anch'io l'ho fatto presente sulla buona scuola online, ma penso che non basti. Secondo me bisognerebbe fare qualcosa di più incisivo, tipo un'interrogazione parlamentare attraverso un portavoce, oppure creare un gruppo su fb, non so..
Cara Cs72, stai sicura che,se vorranno tenere conto dei nostri suggerimenti, lo faranno. Se non vogliono, non ci sarà interrogazione o gruppo fb che tenga.
Aspettiamo comunque il censimento di Dicembre e, ancor più, le prime manovre legislative di Gennaio, poi vedremo il da farsi. Ciao,ciao
io sicuramente esprimerò il problema durante la compilazione del questionario sperando che lo facciano in  tanti cosi da sensibilizzare chi di dovere..... cpme dice dick ,al momento opportuno agiremo per il meglio,sperando non solo nel supporto di chi è coinvolto direttamente ma anche di chi comprende la palese ingiustizia .
Brava Mia, meglio fare un passo per volta e al momento giusto. Intanto, ti posso assicurare, da fonte attendibile, che loro (i politici) seguono anche i forum; se non personalmente, tramite personale apposito. Dunque dedicare qualche minuto ad esprimere le proprie idee non è inutile. Piuttosto noto molta riluttanza da parte di molti  colleghi a partecipare alle discussioni; molti si accontentano solo di leggere.  Ciao,ciao