immissioni in ruolo e cambio di provincia

+1 voto
la mia storia forse è un po la storia di tanti altri docenti che presi dallo sconforto del lontano ed irraggiungibile ruolo hanno deciso di cambiare provincia cercando di superare dubbi e paure.e cosa accade adesso ????????tutti immessi in ruolo!!!!!!!io con un punteggio dignitoso ma mai sufficiente per lavorare mi ritrovo lontana da casa e chi magari non ha mai lavorato  e si trova in ge lavorerà vicino casa.possibile che niente si possa fare?
quesito posto il 16 Ottobre 2014 da mia76 (170 punti)
Hai davvero ragione......boo..speriamo bene per tutti....io ad esempio non sono entrata di ruolo....e mi sono trasferita con l'incarico in un'altra provincia ,spero che diano la possibilità di poter scegliere con un doppio canale anche a noi.....secondo me ci stiamo preparando ad una valanga di ricorsi!

2 Risposte

–1 voto
Ciao mía 76, anche io mi trovo nella tua stessa situazione: quest'anno ho cambiato provincia ed ho ottenuto il ruolo. Ora sono a casa in maternita' e l'anno prossimo spero di ottenere l'assegnazione provvisoria nella provincia di residenza. Speriamo sia possibile ancora e che questa nuova riforma non mandi tutto all'aria.
risposta inviata il 16 Ottobre 2014 da bebabeba (160 punti)
0 voti
Prima di tutto non tutti entreranno in ruolo. Infatti, i Docenti iscritti nelle GAE sono molti di più dei 140mila che dice Renzi; e quelli che rimarranno fuori lo saranno definitivamente con l'unica speranza di superare il prossimo concorso. Inoltre, la riforma prospettata presuppone l'organico funzionale della scuola, che vuol dire in sostanza che ogni scuola avrà a disposizione per cinque anni lo stesso numero di insegnanti, a prescindere dall'esigenze mutevoli che dovessero intervenire in quell'arco temporale, nonchè una graduatoria nazionale unica. Questo comporterà la saturazione dell'organico su base provinciale e coloro che non riusciranno, per mancanza di posti nella provincia di iscrizione GAE, dovranno forzatamente "emigrare" in altre Province o Regioni. Insomma, potrebbe capitare, come è capitato a te e a molti altri (io compresa), di cambiare da nord a sud o viceversa, con la differenza che quest'anno la scelta di dove andare l'hai fatta tu, con la riforma la faranno altri (ministero p.i.).
risposta inviata il 17 Ottobre 2014 da BRAROS (3,920 punti)
concordo con la tua ipotesi sulle imminenti assunzioni ma mi rimane l'amaro in bocca per questa ennesima ,a mio avviso ingiustizia,poichè penso che tanti come me  avrebbero fatto scelte diverse se avessero saputo cosa sarebbe uscito dal magico cilindro di mago renzi.io sono senz'altro favorevole alle nuove immissioni ma credo che dare la possibiltà ai  docenti di scegliere tra due province forse sarebbe piu corretto.di solito quando gioco mi piace conoscere dall'inizio le regole del gioco.in bocca al lupo a tutti e buon lavoro!