entreranno in graduatorie ad esaurimento i diplomati magistrali fino al 2001?

+1 voto
?entreranno in graduatorie ad esaurimento anche quelli che non hanno fatto ufficialmente ricorso, per il riconoscimento abilitante del diploma magistrale fino al 2001?
quesito posto il 23 Ottobre 2014 da VIVENTIA (150 punti)

3 Risposte

0 voti
Il Consiglio di Stato nell'azione cautelare proposta dal Sindacato ANIEF ha accolto l'istanza dei ricorrenti diplomati magistrali entro l'a.s. 2000/2001. Quindi, ha sospeso le sentenze che i vari TAR ed in particolare quello del Lazio che avevano rigettato i ricorsi per l'inclusione nelle GAE di coloro che erano in possesso del Diploma Magistrale suddetto. Quindi, i ricorrenti potranno chiedere l'inclusione nelle GAE con riserva, perchè bisogna aspettare il giudizio di merito, cioè la sentenza definitiva dello stesso Consiglio di Stato.
risposta inviata il 23 Ottobre 2014 da BRAROS (3,920 punti)
perchè non dovrebbero? Il titolo posseduto è valido per tutti in egual misura e non dovrebbero esserci  preferenze e visto che è una causa perorata in difesa di un leggittimo diritto lavorativo sarebbe contraddittorio ammetterne alcuni e lasciarne fuori altri. L'ago della bilancia non pesa da nessuna parte. Abbiamo lavorato con dignità e fatica tutti chi ha sbagliato in questo caso il Ministero, deve pagare e non il lavoratori.
anche io mi sono posta la stessa domanda.
per logica dovremmo essere tutti tutelati (anche chi non ha fatto il ricorso), ma in realtà questa cosa npn è scritta da nessuna parte.
Io il ricorso non l'ho presentato, però mi metto nei panni di chi ha pagato per aderirvi e quindi potrebbe non ritenere giusto che tutti possano beneficiare dell'eventuale vittoria dell'Anief.
Costituisce principio cardine del nostro ordinamento, com'è ben noto, quello per cui il giudice ordinario, allorché riconosca che un provvedimento della P.A. è lesivo di una posizione di diritto, deve di regola limitarsi a "disapplicarlo" in ordine al caso concreto, senza però poterlo annullare.

            A fronte di tale limite sta l'obbligo dell'Amministrazione di conformarsi al giudicato "in quanto riguarda il caso deciso".

            A dare concretezza a quest'obbligo è volto specificamente il giudizio di ottemperanza, previsto dall'art. 27, n. 4, del T.U. sul Consiglio di Stato (R.D. 26 giugno 1924, n. 1054), che attribuisce al giudice amministrativo una speciale giurisdizione di merito in ordine ai "ricorsi diretti ad ottenere l'adempimento dell'obbligo dell'autorità amministrativa di conformarsi in quanto riguarda il caso deciso, al giudicato del tribunale che abbia riconosciuto la lesione di un diritto civile o politico".
In questo sta il motivo per cui la probabile sentenza sul merito favorevole ai ricorrenti varrà solo ed esclusivamente per loro.
+1 voto
Io ormai non ci capisco più nulla, in ITALIA è valido tutto ed il contrario di tutto, ad ogni legge c'è una contro legge, non a caso siamo nel paese di Pulcinella.
Personalmente ho il Diploma di Maturità Magistrale abilitante in quanto l'ho conseguito nel lontano 1994 però ho dovuto superare il concorso bandito nel 1999 per essere "ABILITATA ALL'INSEGNAMENTO" ed ottenere l'inserimento nelle graduatorie provinciali (attualmente GAE) e neanche a pettine ma in III fascia in quanto all'epoca esisteva ancora la II fascia.
Ora mi chiedo i miei sacrifici sia economici che intellettuali per prepararmi al concorso non hanno nessun valore?
Tutti questi anni di sacrifici tra lavoro nelle scuole paritarie, corsi di perfezionamento e chi più ne ha più ne metta, per racimolare punteggio e scalare posizioni nelle graduatorie a cosa servono se alla fine pretenderanno per diritto l'assunzione anche chi attualmente fa la casalinga o svolge un'altro lavoro e non hanno mai insegnato?
Ma quale Buona Scuola, così facendo la portiamo allo sfascio la Scuola. E cosa impareranno i nostri figli da queste persone che per loro scelta fin'ora sono rimaste fuori dal mondo della scuola?
risposta inviata il 23 Ottobre 2014 da rossella.76 (5,020 punti)
Due giorni fa ho letto su orizzonte scuola che un collega diplomato al commerciale nel 97 e' stato inserito in 2 fascia alle g.i. perche' risulta diploma abilitante all'insegnamento, ora addirittura aspetta la sentenza per essere inserito nelle liste sostegno. Arrivati a questo punto anche i
 diplomati magistrale e gli abilitati per concorso possono richiederlo?
Per essere inserito nelle liste di sostegno di avere il titolo di specializzazione non basta l'abilitazione.
Concordo totalmente con te, Rossella.76!
Ma magari quello lo ha conseguito dopo! Ormai fanno entrare di tutto!
Forse mi sono espressa male il collega non ha conseguito la specializzazione per il sostegno ma tale e' una conseguenza del valore abilitante del diploma conseguito nel 97, leggete l'articolo!
0 voti
Il punto è che chi è attualmente in GAE ha SUPERATO il conc. del '99 che era considerato "conditio sine qua non" per ottenere l'abilitazione all'insegnamento! Dopo tale concorso, com'era già previsto difatti,  è stata istituita la laurea in sc. della formaz. primaria avente valore abilitante che, evidentemente, molti non hanno neppure considerato la possibilità di conseguire! Ed allora si comprende quale sia il problema: non è che tutti gli anni trascorsi fra studio e supplenze possano essere squalificati facendo entrare anche chi non è mai entrato un sol giorno a scuola per insegnare!
risposta inviata il 25 Ottobre 2014 da Cetty.63 (1,630 punti)
Scusate ma che fastidio vi arreca? Sicuramente nn otterranno il posto sotto casa, penso nn abbiano tanti punti a meno che nn hanno esperienza d'insegnamento! Da quando sn nelle gae dal 1995 mi hanno superato colleghe di ogni genere: la legge lo permette e nn si puo' obiettare