SPEZZONI ORARI SU TRE COMUNI

0 voti
POSSO ACCETTARE TRE SPEZZONI ORARI SU TRE COMUNI DIVERSI? QUALE SAREBBERO LE SANZIONI?
quesito posto il 18 Settembre 2015 da sab68 (340 punti)
Il regolamento-supplenze-docenti-dm-13-giugno-2007 indica le procedure riguardo le nomine da conferire in caso di esaurimento della graduatoria provinciale, graduatorie non compilate od altra causa.

Le circolari ATP Prot. 8020 Cosenza, 11 settembre 2015 e  USR Veneto MIURAOODRVE/UFF.III/10437/C7A Venezia, 26 agosto 2015, ma anche qualche circolare ATP della Lombardia e in particolare MIUR prot.-n-1949-del-10-sett-20150001 mi sono state molto chiare.

USR Veneto :(POSTI ORARIO Sono da intendere gli spezzoni inferiori alle 18 ore e superiori alle 6, residuati nella stessa scuola per la stessa classe di concorso, dopo la costituzione delle cattedre intere, sia interne che esterne, formati dalla somma di più contributi orari sia inferiori che superiori alle 6 ore (es. ore 14 ore date dalla somma di due spezzoni di 6 e 8 ore).

ATP Cosenza, 11 settembre 2015

a) Piano delle disponibilita’ provinciale (d.m. n. 131 del 2007, art. 3; nota MIUR n. 25141 del 10 agosto 2015)

_spezzoni residui, superiori alle 6 ore, che possono o meno essere abbinati tra loro da parte di questo ambito territoriale;

_Per posti orario sono da intendere gli spezzoni inferiori alle 18 ore e superiori alle 6, residuati nella stessa scuola per la stessa classe di concorso, dopo la costituzione delle cattedre intere, sia interne che esterne, formati dalla somma di più contributi orari sia inferiori che superiori alle 6 ore (es. ore 14 date dalla somma di due spezzoni di 6 e 8 ore).

 

Ho inteso che i posti costituiti e compresi nel Piano delle disponibilità provinciale alla loro restituzione ai DS spettano alla continuazione delle graduatorie che senza soluzione di continuità si individua in quella d’istituto. L’assegnazione alla graduatoria d’istituto non è un’operazione residuale, ma immediatamente successiva. Quanti non compresi nella graduatoria provinciale si trovano in seconda fascia, dopo aver affrontato notevoli difficoltà per conseguirne l’abilitazione nei corsi TFA e PAS, o in terza in vari istituti?

Contrariamente alle circolari, però, anche nel Veneto suddividono i posti restituiti formati dalla somma di ore relative alla stessa scuola, ovvero conferibili dallo stesso DS, in funzione dei plessi ed alcuni arrivano a distribuirli in relazione ai corsi. Ne segue che un posto, prima formato da sei ore più sei ore, diventa sei ore nella sede x e sei ore nella sede y portandoli a pari o inferiore a sei e quindi conferibili a docenti interni. È veramente discriminatorio se per altra disciplina la stessa composizione ha portato una supplenza al docente precario, non si vede la ragione per la quale questa supplenza venga offerta al docente di ruolo.

Ma attenzione, i dirigenti scolastici, i docenti di ruolo si sentono a loro volta discriminati perché nel loro interno trovano docenti per la classe di concorso Z con la stessa tipologia di posto che hanno avuto le ore aggiuntive, mentre altri si sono visti soffiare le ore dalla graduatoria ad esaurimento, con grande nocumento nei loro confronti ed al Ds, naturalmente, è venuta a mancare la gestione discrezionale delle ore.

Potranno pensare di estendere questa pretesa negli anni futuri non includendo più la somma di spezzoni di ore che insistono nella singole scuole appartenenti allo stesso DS, con grave pregiudizio per tutti i docenti precari, compresi quelli a livello provinciale.
Distinti saluti nicola sgrò

Fai il log in oppure registrati per rispondere al quesito.